Conoscemmo Ali Saadi Touareg nel Dicembre del 2013 in Tunisia, al Camp Zmela. Era incuriosito di vederci totalmente a caso, per la prima volta in Africa in moto, nel Sahara e facemmo subito Amicizia. Era una guida professionista Algerina e stava accompagnando con la sua fidata Land Cruiser due turisti Italiani.
Passando un po’ di tempo con noi a parlare e bere birra Celtia, Ali capì che non avessimo nessuna particolare meta dopo il camp Zmela. Ci invitò così a caricare i nostri bagagli sulla sua 4×4 e seguirlo per due giorni a visitare con lui il Sud Tunisino.
Scoprimmo posti davvero incredibili che, altrimenti, non avremmo mai visto.

Ciao Ali

Ciao Ali

Ci considerò subito come se fossimo suoi fratelli e condivise con noi qualsiasi cosa. Questo ci colpì molto e arrivati a Matmata, al momento di salutarci, gli regalammo i nostri WalkieTalkie pensando che potessero tornargli utili in qualche modo, sicuramente più che a noi.
Era solito indossare bellissimi abiti da Tuareg. Noi gli regalammo i walkie un po’ anche per sdebitarci del servizio offerto, le guide non costano poco e lui non ci ha chiesto niente..ma invece lui decise di regalarci uno dei suoi completi tipici.
Io e il Capitain ci sentimmo un po’ imbarazzati, è comunque un abito costoso, non robaccia per turisti. Lui insistette dicendo che ormai eravamo suoi amici e non poteva ricevere un regalo senza aver più la possibilità di ricambiarlo in futuro.
Il Capitain mi sorprese a sua volta e gli regalò la sua GoPro tarocca, ma a quel punto Ali volle regalargli i suoi tagelmust insegnandoci anche ad indossarli. Ci fermammo con i regali e ci abbracciammo, se fossimo andati avanti, saremmo tornati noi in Land Cruiser e lui con due moto 🙂
Un bellissimo momento di viaggio che porteremo con noi per tutta la vita.

Oggi abbiamo appreso che Ali Saadi Touareg è morto in un incidente stradale. Riposa in Pace Amico.